La pasticceria napoletana Ferrero sarà al Due Mari WineFest per deliziare i palati più golosi con i suoi dolci.

Non poteva avere cognome più profetico il signor Ferrero quando ha deciso di mettere su l’omonima pasticceria. Stiamo parlando di Luigi, che nel 1980 decide di fondare a Taranto questo spazio di delizie partenopee.

Il testimone passerà successivamente ai figli Ugo e Marco, i quali porteranno avanti una tradizione familiare solida con una produzione rigorosamente artigianale. La serietà dei gestori e dei collaboratori ma, sopra ogni cosa, la qualità dei prodotti premia la scelta di regalare alla città dei due mari un angolo di paradiso napoletano, malgrado la pasticceria delle parti nostre non abbia nulla da invidiare agli amici campani.

Eppure, il prestigio, la curiosità e i successi non si fanno attendere. Così come i riconoscimenti nazionali tra i quali rientra quello del SantaRosaConcaFestival – prestigioso evento gastronomico sulla Costiera Amalfitana – della migliore sfogliatella. Un titolo non di poco conto se consideriamo che è stato consegnato nel posto in cui è nata la sfogliatella riccia: Conca dei Marini.

A questo punto vi starete chiedendo perché investire proprio sulla pasticceria napoletana?

Marco Ferrero, dopo essere vissuto in Sicilia per ben 13 anni ed esserci specializzato nella realizzazione di cassate – tra l’altro apprezzatissime dai suoi clienti d’allora – decide di portare con sé nella sua città natale, Taranto, il suo sapere e arricchire il punto vendita di via Icco con una produzione artigianale sterminata che spazia dai babà con la crema alla pastiera, le delizie (che Dio le benedica) e altre specialità napoletane.

Questa cultura del dolce, che divampa all’interno della pasticceria, e la passione con la quale la famiglia Ferrero conduce l’attività, corre non solo nel laboratorio, grazie alla presenza costante di veri e propri maestri dolciari, ma anche sull’assortito bancone del locale.

E noi non vediamo l’ora di vedere i Ferrero all’opera al Due Mari WineFest!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *